22 Novembre 2012
I quattro gialli che mettono a nudo il Nordest Con il nuovo libro il giornalista Lino Lava fa luce sui casi Gladio, Montesi, Onnis e delle valvole killer

 

Sono pagine di storia che tutti conosciamo, o di cui almeno abbiamo sentito parlare. Ma in “Quattro gialli del Nordest” (Betelgeuse editore, 12 ¤) il giornalista Lino Lava ci consegna i fatti in un modo nuovo: li racconta con la minuziosa precisione del cronista che ha seguito da molto vicino le grandi inchieste giudiziarie del Nordest e ce li presenta, come sottolinea Sabino Acquaviva nella prefazione al libro, «in maniera magistrale, perché offre una lettura originale del profilo culturale di una regione considerata la parte più pulita dell’intero paese». Presentato in anteprima nazionale alla “Fiera delle parole” di Padova a metà ottobre, il libro di Lava (che sabato sarà alla libreria Ubik Marton di Corso del Popolo a Treviso alle ore 17.30) ci consegna fra le mani quattro storie di ingiustizia sociale e giudiziaria. Si parte una vicenda che mescola politica, magistratura militare e cultura del sistema giudiziario: è l’organizzazione O, poi meglio conosciuta come Gladio. Si continua con il caso del gruppo padovano degli zuccherifici Montesi e l’esproprio politico deciso nei corridoi di Montecitorio. Ancora: il familismo all’Università patavina con il caso del professor Onnis, direttore della Clinica ostetrica e ginecologica, denunciato dai suoi ricercatori. E infine la vicenda che ha coinvolto pesantemente il Centro di cardiochirurgia “Gallucci” di Padova: lì dove nel 1985 venne eseguito il primo trapianto di cuore in Italia, viene scoperta una partita di valvole cardiache brasiliane difettose, che uccidono e che rendono ai professionisti veneti (ma anche a quelli torinesi dell’ospedale Molinette) laute e irrifiutabili mazzette. Casi che hanno riempito le pagine dei giornali a livello nazionale fra gli anni Novanta e i primi del Duemila. Casi molto diversi fra loro per genere e implicazioni. Tutti però con gli stessi denominatori comuni: la corruzione, l’intrigo politico, il malaffare, il rifiuto della legalità e soprattutto il valore morale minato alle radici. Oltre a tutto questo, una ricostruzione estremamente particolareggiata e ricca di elementi, con la cadenza tipica della cronaca, che rendono “Quattro gialli del Nordest” un autentico volume di storia contemporanea degno di essere inserito fra i testi da leggere e studiare per chiunque voglia conoscere, capire, discernere senza ambiguità un periodo ancora troppo oscuro del paese

Fatal error: Class 'Imagick' not found in /var/www/clients/client1/web76/web/app/views/pages/eventi.ctp on line 44